Corpo Pagina

Accesso civico

Riferimento normativo: Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n. 33



  • Registro degli accessi

    Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2019
    Pubblicato il: 12 gennaio 2018

    In questa sezione è pubblicato l’elenco delle richieste di accesso documentale, di accesso civico e di accesso generalizzato con indicazione della data della richiesta di accesso, del riferimento normativo alla base della richiesta, del richiedente (con omissione dei dati personali), dell’oggetto della richiesta, dell’esito della valutazione e della relativa data e indicazione dell’ambito di interesse.
    L’elenco è aggiornato con cadenza trimestrale.


  • Accesso agli atti

    Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2019
    Pubblicato il: 24 maggio 2016

    1. La richiesta di accesso agli atti deve:

    • essere trasmessa via posta elettronica all’indirizzo sotacarbo@pec.sotacarbo.it oppure a mezzo raccomandata a/r;
    • essere presentata dal soggetto interessato, che dovrà motivare e comprovare l’interesse connesso all’oggetto della richiesta;
    • contenere gli estremi del documento oggetto della richiesta o gli elementi che ne consentano l’individuazione;
    • specificare l’identità del soggetto richiedente.

    Tale procedura è necessaria in caso di dubbi sulla:

    • legittimazione del richiedente, sulla sua identità, sui suoi poteri rappresentativi;
    • sussistenza dell’interesse alla stregua delle informazioni e delle documentazioni fornite;
    • accessibilità del documento;
    • eventuale presenza di controinteressati.

    Quando la richiesta sia irregolare o incompleta, la Società, entro 10 giorni, ne dà comunicazione al richiedente con mezzo idoneo a comprovarne la ricezione. In tale caso, il termine del procedimento ricomincia a decorrere dalla presentazione della richiesta corretta.

    2. L’atto di accoglimento della richiesta di accesso:

    • contiene l’indicazione del responsabile/ufficio cui rivolgersi;
    • assegna un congruo periodo di tempo, comunque non inferiore a 15 giorni, per prendere visione dei documenti o per ottenerne copia;
    • se il richiedente non esercita il suo diritto nel suddetto periodo di tempo dovrà presentare una nuova istanza.

    3. L’esame dei documenti:

    • avviene presso l’ufficio indicato nell’atto di accoglimento della richiesta, all’interno degli orari indicati e alla presenza, se necessaria, di personale addetto;
    • i documenti amministrativi ai quali è consentito l’accesso non possono essere alterati in alcun modo e non possono essere asportati dal luogo presso cui sono dati in visione;
    • l’esame dei documenti è effettuato dal richiedente o da persona da lui incaricata, con l’eventuale accompagnamento di altra persona di cui vanno specificate le generalità, che devono essere poi registrate in calce alla richiesta;
    • l’interessato può prendere appunti e trascrivere in tutto o in parte i documenti presi in visione.

    4. La conclusione del procedimento

    • Il procedimento di accesso deve concludersi entro 30 giorni decorrenti dalla presentazione della richiesta all’ufficio competente;
    • Nel caso di domanda irregolare o incompleta, la Società può interrompere la decorrenza del termine che comincerà a decorrere dalla presentazione dell’istanza corretta.
    • Gli atti di diniego, di differimento o di limitazione dell’esercizio del diritto di accesso vengono sempre motivati.

  • Accesso civico

    Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2019
    Pubblicato il: 2 maggio 2016

    SEMPLICE

    L’accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati dei quali sia stata omessa la pubblicazione pur avendone l’obbligo. Con il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 viene introdotto l’istituto dell’accesso civico contemplato dall’articolo 5, ovvero di diritto a conoscere, utilizzare e riutilizzare (alle condizioni indicate dalla norma) i dati, i documenti e le informazioni “pubblici” in quanto oggetto “di pubblicazione obbligatoria”. Questo istituto è diverso ed ulteriore rispetto al diritto di accesso ad atti e documenti amministrativi disciplinato dalla legge n. 241 del 1990. Diversamente da quest’ultimo, infatti, non presuppone un interesse qualificato in capo al soggetto richiedente e consiste nel chiedere e ottenere gratuitamente che le amministrazioni forniscano e pubblichino gli atti, i documenti e le informazioni, da queste detenuti, per i quali è prevista la pubblicazione obbligatoria, ma che, per qualsiasi motivo, non siano stati pubblicati sui propri siti istituzionali.

    Responsabile per l’accesso civico
    Rag. Massimiliano Demurtas
    e-mail: accessocivico@sotacarbo.it
    Tel. 0781-1862445
    Sotacarbo SpA
    Grande Miniera di Serbariu
    09013 Carbonia (CI)

    Titolare del potere sostitutivo
    Dott. Gianni Serra
    Responsabile della Trasparenza
    e-mail: gianni.serra@sotacarbo.it
    Tel. 0781-1863358
    Sotacarbo SpA
    Grande Miniera di Serbariu
    09013 Carbonia (CI)

    Modalità per esercitare il diritto di accesso civico

    Chiunque ha diritto di esercitare l’accesso civico. La richiesta è gratuita, non deve essere motivata e può essere presentata in qualsiasi momento dell’anno.

    La richiesta deve essere inoltrata al Responsabile per l’accesso civico utilizzando il modulo appositamente predisposto, da inviare, unitamente alla copia di un documento d’identità, tramite posta elettronica ordinaria o posta elettronica certificata.

    Nei casi di ritardo o mancata risposta da parte del Responsabile per l’accesso civico, il richiedente può presentare una nuova istanza al Titolare del potere sostitutivo, utilizzando la procedura descritta in precedenza. Il Titolare del potere sostitutivo, dopo aver verificato la sussistenza dell’obbligo di pubblicazione, provvede entro 15 giorni alla pubblicazione di quanto richiesto e ad informare il richiedente.

    GENERALIZZATO

    Consente a chiunque di accedere ai dati, alle informazioni e ai documenti detenuti dalla Pubblica Amministrazione, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, e mira a consentire forme diffuse di controllo sull’operato dell’amministrazione. È disciplinato dal D.Lgs. 33/2013, articolo 5, comma 2 e ss. e dall’articolo 5 bis “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”; dalla Delibera ANAC 1309/2016 “linee guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all’accesso civico di cui all’art. 5, comma 2 del D.Lgs. 33/2013”; dalla Circolare del Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione n. 2/2017 “attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)”.

    La richiesta di accesso civico generalizzato deve identificare i dati, le informazioni e i documenti che si vogliono ottenere, non è richiesta la motivazione e nessun altro requisito come condizione di ammissibilità.
    Nella valutazione dell’adeguatezza delle richieste ricevute, nella specificazione dei documenti richiesti deve tener conto delle difficoltà che i richiedenti possono incontrare nell’individuare con
    precisione i dati o i documenti di proprio interesse. Per questa ragione, la Società garantisce la massima assistenza al richiedente, per permettere una adeguata definizione dell’oggetto della domanda. Le richieste possono essere formulate per iscritto (su apposito modulo o su carta libera) o verbalmente ed essere presentate di persona, per telefono, via e-mail o a mezzo PEC.

    Per quanto non indicato in questa pagina, si rimanda alle disposizione contenute nell’Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 55/1 del 13.12.2017, recepito dalla Società in quanto parte del “Sistema Regione”.