Corpo Pagina

Sotacarbo and K-Cosem: progetti paralleli

Sotacarbo-KCosem Agreement

Sotacarbo e il consorzio sudcoreano K-Cosem hanno formalizzato a Melbourne, in occasione della conferenza internazionale IEA GHGT-14, la sottoscrizione di un protocollo di intesa. L’accordo, firmato da Alessandro Lanza, presidente di Sotacarbo, e dal prof. Seong-Taek Yun della Korea University, consentirà nei prossimi cinque anni di collaborare fattivamente per la realizzazione di due infrastrutture di ricerca di valenza internazionale da realizzarsi nel Sulcis e in Corea in prossimità della capitale Seul.

Una di queste infrastrutture, il Sotacarbo Fault Lab, è in fase di realizzazione nel bacino del Sulcis (Sardegna sud-occidentale) da parte della stessa Sotacarbo, nell’ambito del progetto “Centro di Eccellenza sull’Energia Pulita” finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna. Un laboratorio simile – basato su formazioni geologiche differenti, e pertanto pienamente complementare al Sotacarbo Fault Lab – sarà presto realizzato dal consorzio K-Cosem. L’obiettivo comune è verificare se e come l’anidride carbonica iniettata nel sottosuolo risale in superficie.

Questo è uno dei principali quesiti che ci si pone quando si caratterizzano i siti per il confinamento geologico della CO2, non tanto per i rischi ambientali, pressoché inesistenti (come ampiamente dimostrato nei tanti siti dove vengono studiate le fuoriuscite naturali di CO2), quanto piuttosto perché l’eventuale risalita della CO2 iniettata vanificherebbe i notevoli investimenti necessari per un confinamento geologico che dovrebbe essere permanente.

In virtù dell’accordo Sotacarbo e K-Cosem potranno da subito condividere informazioni e dati sperimentali. Entro la fine dell’anno è prevista una visita di Sotacarbo presso il sito coreano, che verrà seguita da una visita nel Sulcis di una delegazione coreana. APettinau