Corpo Pagina

L’ambiente si difende con la conoscenza

Volge al termine il progetto ZoE con l’Istituto Satta di Carbonia, con l’ultimo incontro con le classi III^ dei corsi B e D (scuola secondaria di primo grado). Dopo aver sottoposto agli studenti il questionario del progetto di ricerca Auree, che raccoglie le informazioni relative agli aspetti energetici delle abitazioni, in classe si è aperto un dibattito sui consumi elettrici delle abitazioni, sul costo dell’energia elettrica e sull’importanza che ha la ricerca nell’individuare nuove soluzioni per disporre di energia pulita e sicura.

La docente Ilaria Cabiddu ha evidenziato gli aspetti positivi del lavoro svolto in queste settimane: “E’ stato un percorso che ha arricchito gli studenti sotto diversi aspetti, non solo da un punto di vista tecnico. Comprendere che certi temi fanno parte del loro quotidiano, avvicina la scuola agli studenti e una realtà come Sotacarbo svolge un ruolo prezioso in tale processo”. Per gli studenti è stato interessante notare come temi di interesse generale, come la lotta al cambiamento climatico,  possano avere delle ricadute anche sulla propria quotidianità. Si comprende così come l’applicazione di comportamenti attenti e virtuosi possono contribuire a migliorare le cose. Ne è convinta un’altra insegnante, la prof.ssa Annarita Collu: “Al giorno d’oggi la consapevolezza che i temi di politica energetica hanno una incidenza sulla vita di ciascuno è importante, soprattutto per gli studenti. Formare le giovani generazioni è un obbligo morale. Lo stesso premio Nobel Parisi ha dichiarato l’importanza della educazione alla scienza dei bambini a partire dalla scuola primaria”.

La scommessa del progetto proposto è vinta: alcuni degli aspetti trattati sono decisamente più adatti a studenti degli ultimi anni della scuola secondaria di secondo grado, ma l’attenzione e l’impegno dimostrati dai ragazzi hanno indicato che certi temi, seppur semplificati sulla base dell’età, sono attuali e coinvolgenti e possono orientare importanti riflessioni sulle abitudini di vita anche dei più piccoli. E’ proprio questo l’obiettivo dei programmi di Sotacarbo con le scuole: formare generazioni attente e consapevoli agli aspetti energetico-ambientali per garantire un futuro sostenibile a tutti. La transizione inizia dal cambio di comportamenti individuali e dall’acquisizione di una nuova consapevolezza collettiva. AMadeddu/AOrsini