Corpo Pagina

ICCDU XVII, Aachen, 23-27.06.2019

Fronteggiare il riscaldamento globale usando l’anidride carbonica come risorsa. Di questo si è discusso nel corso della conferenza internazionale sul riutilizzo della CO2 (ICCDU XVII), tenutasi ad Aachen (Aquisgrana), in Germania, dal 23 al 27 giugno.

Nel corso della conferenza, alla quale hanno partecipato 323 esperti provenienti da tutto il mondo, sono state discusse le tecnologie più innovative per il riutilizzo dell’anidride carbonica, finalizzate alla produzione di combustibili, prodotti chimici e materiali per la produzione di beni di consumo. Le tecnologie, fino a pochissimo tempo fa considerate molto promettenti ma non ancora competitive, stanno iniziando ad avere un notevole interesse commerciale grazie alla progressiva riduzione dei costi e all’interesse di molte industrie di presentare i loro prodotti come totalmente sostenibili. La CO2 può contribuire all’economia circolare riportando il carbonio al ruolo di materia prima.

Particolare attenzione è stata dedicata all’applicazione delle tecnologie di riutilizzo della CO2 come metodo di stoccaggio dell’energia (con grande risalto per il progetto “Kopernikus”, finanziato dal Governo tedesco). In tal senso, data la non programmabilità di fonti energetiche quali il solare e l’eolico, l’approccio si basa sulla conversione dell’eccesso di produzione elettrica in combustibili, da impiegare a loro volta per sopperire alla domanda di energia quando la produzione da rinnovabili è insufficiente.

Di notevole interesse, inoltre, l’impiego della CO2 per la produzione di combustibili (col metanolo come principale candidato) per l’autotrazione, al fine di ridurre l’impiego di benzina e gasolio di derivazione petrolifera. In tale ambito è stato citato, tra l’altro, un progetto congiunto sviluppato in Italia da FCA ed Eni.

Nel corso del congresso Sotacarbo ha presentato un lavoro dal titolo “Experimental development of advanced catalysts for methanol and DME production from CO2 for energy storage applications” (autori: Mauro Mureddu, Sarah Lai, Elisabetta Rombi, Luciano Atzori, Francesca Ferrara, Alberto Pettinau), sviluppato in collaborazione con l’Università di Cagliari. Il lavoro riporta i principali risultati di alcuni dei catalizzatori per la sintesi del metanolo sviluppati nell’ambito del progetto “Centro di Eccellenza sull’Energia Pulita” finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna. Tra questi, anche un materiale particolarmente efficiente, tanto da essere oggetto di una domanda di brevetto internazionale. Anche per tale ragione, al lavoro è stato conferito il “Best Poster Award” come miglior poster presentato al congresso. APe/MM