Corpo Pagina

Analisi immediata dei combustibili

Analizzatore TGA (Termogravimetro) - Credit Alessandro Orsini (Sotacarbo)

TGA (analisi immediata)250L’analisi immediata di combustibili solidi, scarichi e altri materiali è effettuata mediante un termogravimetro LECO TGA-701 utilizzato per la determinazione del contenuto di umidità, ceneri, sostanze volatili e carbonio fisso.

Lo stesso strumento può essere utilizzato per applicazioni relative alla valutazione della stabilità termica, della velocità di reazione e delle transizioni di fase. Tali proprietà sono misurate in funzione della temperatura e del tempo, sottoponendo il campione, in un ambiente controllato, a una rampa programmata di temperatura che può avere fasi di riscaldamento e di mantenimento a un livello costante.

L’analizzatore termogravimetrico misura la perdita di peso del campione in funzione della temperatura, in un ambiente controllato, in presenza di aria, azoto o ossigeno. Lo strumento è costituito da un forno, che può raggiungere la temperatura massima di 1000 °C e che può alloggiare fino a 19 campioni (di circa 1 g ciascuno) più uno di riferimento, e da un computer che gestisce e controlla tutte le parti dell’analizzatore quali il forno, il carosello e la bilancia interna. L’analizzatore consente di impiegare metodi di analisi rispondenti alle normative ASTM, CEN, UNI o di creare metodi personalizzati. In particolare, il metodo di analisi utilizzato per la caratterizzazione dei combustibili solidi è ASTM D5142 Moisture Volatile Ash e prevede per l’appunto l’analisi in sequenza di umidità, volatili e ceneri.

La temperatura del forno, la velocità di riscaldamento del forno, l’atmosfera così come i flussi di gas (aria, azoto o ossigeno) sono selezionabili in maniera indipendente per ogni analisi.
Lo strumento è stato frequentemente utilizzato per l’analisi di differenti tipologie di carboni e biomasse, per l’analisi degli scarichi dell’impianto pilota e per specifici studi cinetici su sorbenti metallici a base di ossidi di zinco (al fine di valutarne la capacità di desorbimento a seguito di un riscaldamento controllato).