Corpo Pagina

Analisi elementare dei combustibili

Analizzatore CHN/S - Credit Alessandro Orsini (Sotacarbo)

CHN-S (analisi elementare)250L’analisi elementare di combustibili solidi, scarichi e altri materiali viene effettuata mediante un analizzatore LECO Truspec CHN/S. Esso può analizzare qualunque campione solido (contenente fino a un massimo di umidità del 15%) determinando la concentrazione di carbonio (C), idrogeno (H), azoto (N) e zolfo (S) secondo gli standard internazionali.

Lo strumento è costituto da due moduli: un primo modulo CHN che determina la concentrazione di carbonio, idrogeno e azoto e un secondo modulo S che determina la concentrazione di zolfo presente nel campione in esame. Entrambi i moduli sono gestiti da un unico software sviluppato in ambiente Microsoft Windows.

L’analisi del contenuto in carbonio e in idrogeno avviene attraverso l’utilizzo di un rilevatore ad assorbimento infrarosso. Il campione da analizzare (circa 1 g) viene ridotto a una granulometria opportuna (inferiore ai 250 µm) e alimentato per l’analisi nella fornace dello strumento. Il carbonio, a seguito della combustione del campione, è misurato sotto forma di CO2, mentre l’idrogeno sotto forma di H2O. L’azoto si misura, invece, tramite un rilevatore a termoconducibilità: una volta bruciato il campione, si ha la conversione degli NOx a azoto elementare N2. L’analisi è completata in 4-5 minuti.

Lo zolfo, invece, è determinato in un modulo analitico differente. Il campione (circa 1 g), ridotto a una granulometria opportuna (< 250 µm), è alimentato allo strumento tramite una navicella ceramica. Viene bruciato alla temperatura di 1350 °C: il contenuto di zolfo viene misurato tramite un rilevatore a infrarossi per la determinazione della SO2 prodotta. L’analisi è completata in circa 3 minuti.

Lo strumento è stato frequentemente impiegato per l’analisi di differenti tipologie di carboni e biomasse e per l’analisi degli scarichi del gassificatore, al fine di determinare i composti residui in essi presenti.